Conferenza con Dario Fo

news_dario
Clicca per altre foto

Il premio Nobel per la Letteratura Dario Fo ha incontrato le persone detenute nella Casa Circondariale di San Vittore, rispondendo con grande entusiasmo all’invito da parte della Direzione e dell’Istituto e di Progetto Liberazione nella Prigione. L’artista, conosciuto in tutto il mondo per la sua grande umanità e sensibilità ai temi del sociale, ha avuto modo di commentare la sentenza di Strasburgo sulle carceri italiane: E’ una vergogna, ma è anche una giornata straordinaria perchè l’Europa ha punito l’Italia e finalmente ha fatto giustizia. Sono anni che diciamo che la situazione del carcere italiano è indegna di un popolo civile”. Un nutrito gruppo di detenuti ha sottolineato con applausi scroscianti la presenza del premio Nobel e il suo discorso.

Oggi abbiamo vinto una battaglia. Siamo profondamente felici per aver collaborato, in quarant’anni, alla lotta per una situazione più umana e vivibile in carcere. Speriamo che in questo modo l’Europa abbia spronato il governo che verrà  a cambiare le cose, a trasformare le carceri in un luogo dove si migliora e non dove si peggiora.

L’incontro si è concluso con uno scambio di doni. Dario Fo ha regalato alcuni suoi dipinti e in cambio ha ricevuto dalle persone detenute diversi oggetti prodotti nella legatoria del carcere, con una dedica che ha commosso il premio Nobel: “A Dario Fo, il giullare che ha saputo donare al mondo pagine teatrali uniche senza dimenticare di lottare per gli ultimi e gli oppressi”.

Annunci

Insegnamenti di Ghesce Sonam a Bollate

Insegnamenti di Ghesce Sonam nella Casa di Reclusione di Milano Bollate. Durante la mattinata l’incontro è stato riservato al gruppo dei praticanti avanzati, che da tre anni seguono i corsi di Progetto Liberazione nella Prigione con Grazia. 
Per la prima volta in assoluto, lo stesso Ghesce Sonam si è fermato a pranzare assieme a loro. Il pomeriggio, invece, è stato dedicato ad un incontro principalmente divulgativo sul progetto e sulle sue finalità. 

Per non soffrire più il primo passo è comprendere che è nostro dovere cambiare mente. Dovremmo smettere di pensare a cose che ci fanno male o soffrire, ma al contrario credere che siamo in grado di costruire la nostra felicità. Da questa conoscenza parte la nostra trasformazione.
Ghesce Sonam

Ghesce Sonam Ngodup è nato nel Kham nel 1968. Da bambino ha imparato a leggere e scrivere dalle scritture con suo zio, nel monastero vicino a casa. All’età di 13 anni ha intrapreso il viaggio in India per iniziare l’istruzione formale monastica nel Monastero di Sera Je. Ha quindi ricevuto i voti di novizio dell’ordinazione completa da Sua Santità il Dalai Lama. 

Insegnamenti di Ghesce Sonam a San Vittore

Insegnamenti di Ghesce Sonam nella Casa Circondariale San Vittore Milano.

E’ con grande gioia che possiamo annunciare che per la prima volta Progetto Liberazione nella Prigione è stato inserito ufficialmente nel Tour europeo di un grande Maestro. Ghesce Sonam ha gentilmente accettato di dare due giorni di insegnamenti per coloro che, essendo in carcere, non potrebbero raggiungerli in alcun modo.

Per non soffrire più il primo passo è comprendere che è nostro dovere cambiare mente. Dovremmo smettere di pensare a cose che ci fanno male o soffrire, ma al contrario credere che siamo in grado di costruire la nostra felicità. Da questa conoscenza parte la nostra trasformazione.
Ghesce Sonam

Ghesce Sonam Ngodup è nato nel Kham nel 1968. Da bambino ha imparato a leggere e scrivere dalle scritture con suo zio, nel monastero vicino a casa. All’età di 13 anni ha intrapreso il viaggio in India per iniziare l’istruzione formale monastica nel Monastero di Sera Je. Ha quindi ricevuto i voti di novizio dell’ordinazione completa da Sua Santità il Dalai Lama.