Diventa Socio Sostenitore

Per diventare Socio Sostenitore di Liberation Prison Project è necessario versare 30€ una volta all’anno sul nostro conto bancario:

Banca Etica
IT60V0501801600000011990975
e notificarlo tramite mail all’indirizzo segreteria@liberationprisonproject.it

oppure procedere al pagamento tramite PayPal.

btn_donateCC_LG

Perché diventare Socio Sostenitore?

Il Socio Sostenitore, a differenza di chi effettua una donazione libera, ha la possibilità di partecipare alle agli Eventi organizzati da Liberation Prison Project e riceve la newsletter della Onlus con il calendario degli eventi e attività in corso.
La tessera ha validità equivalente all’anno solare.

Perché donare a Liberation Prison Project?

Liberation Prison Project è una realtà esistente, grazie all’attività di numerosi volontari, da diversi anni in Italia. Siamo presenti in più regioni e il nostro progetto è di continuare a crescere.
Fare una donazione, anche minima, alla nostra Onlus contribuirebbe a sostenere le spese relative all’acquisto di materiali e libri per le persone detenute e quelle relative alle offerte per i Maestri che vengono a far visita ai vari Istituti, compresi eventuali spostamenti e pernottamenti.
Vi sono, poi, le uscite relative alla gestione bancaria e amministrativa di PLP così come quelle impiegate nella realizzazione e stampa del Merchandising e delle Pubblicazioni che permetto alla Onlus di farsi conoscere sempre di più.

Oltre agli aspetti pratici, fare una donazione a Liberation Prison Project significa appoggiare la nostra Mission e supportare coloro che settimanalmente organizzano corsi di consapevolezza e meditazione per persone detenute e per il personale del carcere, promuovendo incontri con personalità significative per la crescita personale e spirituale.

Le evidenze e i risultati sono positivi: coloro che partecipano ai gruppi migliorano il loro approccio al periodo detentivo e non solo. I percorsi proposti costituiscono un training di addestramento mentale che permette di variare alcuni schemi mentali e automatismi arrivando ad incidere positivamente sia sulla convivenza forzata in spazi ristretti, sia sulla socializzazione nei luoghi comuni, riducendo l’incidenza di litigi, risse o pestaggi. I benefici proseguono anche una volta terminato il periodo detentivo abbassando il rischio di recidiva e fornendo degli strumenti idonei ad ogni circostanza della vita.

Il grado di civiltà di un Paese si misura osservando la condizione delle sue carceri.
Voltaire

Annunci