Mission

Fornire strumenti atti ad alleviare la sofferenza esistenziale delle persone detenute, utilizzando nel modo migliore il periodo della carcerazione.

La cella costituisce un luogo ideale per imparare a conoscersi, per scandagliare in modo oggettivo e costante i propri processi mentali ed emotivi.
Nelson Mandela

E’ certo che se il tempo della detenzione viene sfruttato per lavorare sul piano introspettivo e dell’autotrasformazione, al termine dello stesso, la consapevolezza acquisita e la comprensione delle dinamiche mentali riducono o annullano il rischio della recidiva. In tal modo il rischio sociale tende a diminuire e la finalità dei percorsi promossi diviene da individuale a sociocollettiva.
La consapevolezza è quindi di per sé trasformativa: quando un individuo detenuto o in libertà acquisisce gli strumenti di base ne consegue necessariamente una miglior qualità della vita, maggior benessere e salute psicofisica.
Tale miglioramento può ricadere anche all’interno degli Istituti Penitenziari stessi creando ambienti meno aggressivi e meno punitivi, con uno standard di relazioni più umane sia tra persone detenute che nei confronti del personale specialistico e della polizia penitenziaria. A tal proposito le attività dell’Associazione vengono estese su richiesta anche al personale del carcere e alle persone tornate in libertà.
In tal senso, la mission di Liberation Prison Project opera in coerenza con il dettato costituzionale secondo il quale la pena detentiva deve avere una finalità riabilitativa (art. 27 costituzione)

Annunci